Il Codice a (S)barre

bar-code-254785_960_720

Ogni oggetto che compriamo, da una mela ad una nave, ha un codice a barre.

Quella serie di linee verticali intervallate da numeri.

Ogni serie identifica un oggetto, un’entità, un prezzo, un’indicazione su come commercializzare  e scambiare l’oggetto.

Indossiamo codici a barre, mangiamo codici a barre, ci muoviamo con i codici a barre, regaliamo codici a barre, dormiamo su codici a barre.

Spesso ci identifichiamo con un codice a barre, seguendo una moda, indossando un pantalone obiettivamente scomodo “ma che indossano tutti”.

Anche dove non c’è mai stato, noi mettiamo un codice a barre.

Mettiamo il codice a barre sulle creature della Natura, sui nostri figli, sulla nostra salute, sugli animali, sulle foreste, sull’acqua, sulla terra, sul fuoco, sull’aria.

Marchiamo a fuoco la nostra pelle con un codice a barre, marchiamo a fuoco la nostra felicità con un codice a barre, il nostro benessere, la nostra Gioia.

Ci convinciamo che le persone siano un codice a barre, giochiamo ad essere un codice a barre con il collo piegato a fissare il nostro codice a barre luminoso che effettua telefonate e ricerche su internet, ignorando la persona che piange di fronte a noi.

E lentamente ci convinciamo che siamo un codice a barre, gradualmente lo diventiamo annullando le forme graziose ed eleganti del nostro Essere.

E così il codice a barre diventa il codice a sbarre, e lentamente rinchiudiamo il nostro Essere in una prigione che non esiste ma che fa male, ci fa del male, ci rende male.

Le sbarre non esistono! La prigione non esiste!

Il codice a barre è un semplice disegno che non potrà mai riconoscere il Vero Valore che ci caratterizza!

Possiamo desiderare, possiamo essere liberi che lo siamo sempre stati!

Possiamo vivere perchè lo abbiamo sempre desiderato!

Possiamo essere nella Gioia perchè è da lì che proveniamo.

…”ma perchè tutti dovrebbero farlo”…

 

 

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: